Racconto #2

Ecco un altro dei video realizzati da alcune delle persone passate da Como per raccontare quello che hanno vissuto qui dalla loro prospettiva: il rapporto con l’autorità, la solidarietà condivisa, e il confronto con il resto dell’Europa.

Ciao, sono Sabeel.
Sono stato a Como per quasi 5 settimane, più o meno. Nella mia esperienza a Como ci sono state due parti: la prima parte sono la gente e la città, ed è stato positivo e impressionante, questo posso davvero dirlo… Non ci siamo mai sentiti soli. Rispetto ai nostri problemi hanno fatto quello che potevano, perché ci sono alcune parti su cui non possono fare nulla… Vuoi passare il confine e non possono aiutarti granché in questo.
L’altra parte è la parte politica, il governo intendo. All’inizio abbiamo avuto un incontro con dei rappresentanti del governo e ci hanno detto che sarebbero stati dalla nostra parte, ma “per quanto riguarda gli altri Paesi non possiamo fare molto, perché non è la nostra legge, non sono i nostri regolamenti, sono le leggi e i regolamenti di altri Paesi… ma cercheremo di fare qualcosa!”
In un primo momento abbiamo pensato… abbiamo creduto che avevano intenzione di fare qualcosa, ma alla fine hanno iniziato a mandare la gente a Taranto e molto altro… e abbiamo capito che non se ne interessano per davvero e che sono tendenzialmente indifferenti.
Riguardo agli europei e agli italiani, a come trattano i migranti, non è come dovrebbe essere, perché gli europei è come se facessero leggi, regolamenti, poi quando arrivano i migranti semplicemente li respingono indietro e non rispettano le lore stesse leggi e regolamenti, e gli italiani non dicono niente a riguardo. Possono fare qualcosa, ma scelgono di non fare nulla. Questo è come penso tutta Europa tratti i migranti, non è una questione umanitaria, il loro approccio non è di quel tipo, non è umanitario… lo usano per le ragioni politiche, per la loro agenda, non per ragioni umanitarie.
Quando hanno cominciato a costruire un campo a Como siamo stati informati che sarebbe stato aperto, che non sarebbe stato un problema per noi uscire e entrare, che non c’era da preoccuparsi… ma più tardi ci siamo accorti che era come gli altri campi, cioè una sorta di prigione, più o meno è così. La maggior parte dei campi governativi assomigliano a delle prigioni, niente di meno.
Eh.. Sono stato fortunato, ho raggiunto la Francia e posso dirvi che dopo due mesi in Francia la situazione non è buona o migliore… è pressapoco lo stesso in tutta Europa, questo è quanto…. Grazie.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...